Il cibo a base di funghi potrebbe dimezzare la deforestazione entro il 2050, afferma lo studio

Rimuovere la carne rossa da una sola delle tue cene nei giorni feriali potrebbe aiutare a salvare le foreste della Terra, mostra un nuovo studio.

Scienziati dentro Germania hanno studiato gli impatti ambientali della sostituzione della carne con proteine ​​microbiche, un’opzione alimentare alternativa prodotta da microbi come i funghi nei serbatoi di fermentazione.

Hanno scoperto che sostituire solo il 20% della carne con proteine ​​microbiche a livello globale entro il 2050 dimezzerebbe la deforestazione, riducendo anche le emissioni di CO2 e metano.

I risultati mostrano che il pubblico non dovrebbe sentirsi costretto a “mangiare solo verdure”, poiché possono fare una grande differenza ambientale solo mangiando raramente alternative di carne.

La proteina microbica è una biomassa nutriente ricca di proteine ​​con una consistenza simile alla carne prodotta da microrganismi tramite fermentazione. La micoproteina è un esempio di proteina microbica. È prodotto da funghi e si trova in Quorn, un sostituto della carne vegetariano

La deforestazione - la rimozione permanente degli alberi - è un grave problema ambientale, che causa la distruzione dell'habitat forestale e la perdita della diversità biologica. Una veduta aerea mostra la deforestazione vicino a una foresta al confine tra Amazzonia e Cerrado a Nova Xavantina, stato del Mato Grosso, Brasile, 28 luglio 2021

La deforestazione – la rimozione permanente degli alberi – è un grave problema ambientale, che causa la distruzione dell’habitat forestale e la perdita della diversità biologica. Una veduta aerea mostra la deforestazione vicino a una foresta al confine tra Amazzonia e Cerrado a Nova Xavantina, stato del Mato Grosso, Brasile, 28 luglio 2021

COS’E’ LE PROTEINE MICROBICHE?

La proteina microbica è una biomassa nutriente ricca di proteine ​​con una consistenza simile alla carne prodotta da microrganismi tramite fermentazione.

Le proteine ​​microbiche possono essere prodotte da funghi, così come da altri microrganismi come alghe e batteri. È prodotto in colture microbiche specifiche, proprio come la birra o il pane.

Basato sul metodo secolare di fermentazione, è stato sviluppato negli anni ’80.

La micoproteina è un esempio di proteina microbica. È prodotto da funghi e si trova in Quorn, un sostituto della carne vegetariano.

La micoproteina è un sostituto ideale della carne perché è ricca di proteine ​​e contiene tutti gli aminoacidi essenziali che l’uomo ottiene dall’alimentazione.

I prodotti sono strutturati e modellati per assomigliare ai comuni prodotti a base di carne, compresi gli alimenti trasformati (come salsicce e polpette di hamburger) e gli ingredienti per cucinare (come carne macinata o petto di pollo).

La Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha dato il via libera a un’alternativa alla carne proteica microbica (micoproteina) come sicura nel 2002.

La nuova ricerca è stata condotta presso il Potsdam Institute for Climate Impact Research (PIK) in Germania e pubblicata oggi in Natura.

“La sostituzione della carne di ruminante con proteine ​​microbiche in futuro potrebbe ridurre considerevolmente l’impronta di gas serra del sistema alimentare”, ha affermato l’autore dello studio Florian Humpenöder del PIK.

‘La buona notizia è che le persone non devono aver paura di poter mangiare solo verdure in futuro. Possono continuare a mangiare hamburger e simili, è solo che quelle polpette di hamburger saranno prodotte in un modo diverso.’

La deforestazione – la rimozione permanente degli alberi – è un grave problema ambientale, che causa la distruzione dell’habitat forestale e la perdita della diversità biologica.

Un grande fattore di deforestazione è l’accensione deliberata della volta della foresta pluviale per liberare spazio per le colture agricole.

Sempre più foreste che immagazzinano molto carbonio vengono bonificate per il pascolo del bestiame o per la coltivazione del mangime.

Poiché il consumo di carne continuerà probabilmente ad aumentare in futuro, sempre più foreste e vegetazione naturale non forestale potrebbero essere destinate all’estinzione per i pascoli e i terreni coltivati.

“Il sistema alimentare è alla base di un terzo delle emissioni globali di gas serra, e la produzione di carne di ruminanti è l’unica fonte principale”, ha affermato Humpenöder.

Ma la biomassa nutriente e ricca di proteine ​​con una consistenza simile alla carne prodotta dai microbi tramite fermentazione, la “proteina microbica”, potrebbe essere parte della soluzione.

La micoproteina è un esempio di proteina microbica. È prodotto da funghi e si trova in Quorn, un sostituto della carne vegetariano già trovato sugli scaffali dei supermercati.

Per il loro studio, i ricercatori hanno utilizzato un modello di simulazione al computer per rilevare gli effetti ambientali del passaggio alle proteine ​​microbiche.

Gli autori hanno modellato i cambiamenti nell’uso del suolo, nelle emissioni di gas serra, nell’uso dell’acqua e nella fissazione dell’azoto che deriverebbero dalla sostituzione del 20% (MP20), 50% (MP50) e 80% (MP80) del consumo mondiale di carne bovina con proteine ​​microbiche.

La fissazione dell’azoto è il processo biologico mediante il quale l’azoto gassoso viene convertito in composti che possono essere utilizzati come nutrienti da altri organismi.

Probabilmente hai già visto prodotti a base di micoproteine ​​sugli scaffali dei supermercati, come Quorn, nella foto qui

Per stimare l’aumento della popolazione, del reddito e della domanda di bestiame tra il 2020 e il 2050, hanno utilizzato un scenario denominato SSP2descritto come “in mezzo alla strada”, perché le sue tendenze non si discostano in modo significativo dai modelli storici.

COS’È LA DEFORESTAZIONE?

La deforestazione – la rimozione permanente degli alberi – è un grave problema ambientale, che causa la distruzione dell’habitat forestale e la perdita della diversità biologica.

Un grande fattore di deforestazione è l’accensione deliberata della volta della foresta pluviale per liberare lo spazio per le colture agricole e il bestiame.

Sfortunatamente, il carbonio immagazzinato negli alberi ha il potenziale per essere rilasciato nell’atmosfera come anidride carbonica (CO2).

Soprannominate i polmoni del pianeta, le foreste agiscono come enormi pozzi di carbonio che assorbono l’anidride carbonica dall’atmosfera mentre crescono.

“Abbiamo scoperto che se avessimo sostituito il 20% della carne di ruminante pro capite entro il 2050, la deforestazione annuale e le emissioni di CO2 dovute al cambiamento dell’uso del suolo sarebbero state dimezzate rispetto a uno scenario normale”, ha affermato Humpenöder.

“Il numero ridotto di bovini non solo riduce la pressione sulla terra, ma riduce anche le emissioni di metano dal rumine dei bovini e le emissioni di protossido di azoto dalla fertilizzazione dei mangimi o dalla gestione del letame.

“Quindi sostituire la carne rossa macinata con proteine ​​microbiche sarebbe un ottimo inizio per ridurre gli impatti dannosi dell’attuale produzione di carne bovina”.

Non sorprende che gli scenari MP50 e MP80 porterebbero a riduzioni ancora più sostanziali delle sollecitazioni ambientali, ha scoperto il team.

In MP50 e MP80, la deforestazione è ulteriormente ridotta, con conseguenti riduzioni relative rispettivamente dell’82% e del 93% entro il 2050.

Allo stesso modo, le emissioni nette di CO2 dovute al cambiamento dell’uso del suolo sono ridotte rispettivamente dell’83% e dell’87% in MP50 e MP80.

Il team ha affermato di aver rappresentato il costo ambientale della produzione di prodotti proteici microbici sulla stessa scala dei prodotti a base di carne rossa. Ad esempio, lo zucchero, coltivato su terreni coltivati, è necessario come materia prima per le proteine ​​microbiche.

I ricercatori ammettono che la carne coltivata in laboratorio è una tecnologia aggiuntiva che potrebbe svolgere un ruolo importante nella sostituzione delle proteine ​​di origine animale in futuro, ma un tale metodo è costoso e richiede un elevato fabbisogno energetico.

“Esistono sostanzialmente tre gruppi di analoghi della carne”, ha affermato l’autrice dello studio Isabelle Weindl, anche lei del PIK.

“Ci sono quelli a base vegetale come le polpette di hamburger di soia e le cellule animali coltivate in una capsula di Petri nota anche come carne coltivata, che è finora molto costosa ma recentemente ha ricevuto molta attenzione da parte del pubblico.

“E c’è la proteina microbica derivata dalla fermentazione, che consideriamo la più interessante.

Il passaggio dalla carne rossa a un'alternativa a base di funghi per un pasto su cinque potrebbe dimezzare la deforestazione entro il 2050. Scenari che presuppongono la sostituzione del 50% e dell'80% del consumo mondiale di carne bovina porterebbero a riduzioni ancora più sostanziali dei tassi annuali di deforestazione

Il passaggio dalla carne rossa a un’alternativa a base di funghi per un pasto su cinque potrebbe dimezzare la deforestazione entro il 2050. Scenari che presuppongono la sostituzione del 50% e dell’80% del consumo mondiale di carne bovina porterebbero a riduzioni ancora più sostanziali dei tassi annuali di deforestazione

«È già disponibile in un’ampia varietà oggi nei supermercati, ad esempio nel Regno Unito o in Svizzera, e, soprattutto, può essere ampiamente disaccoppiato dalla produzione agricola.

“I nostri risultati mostrano che anche tenendo conto dello zucchero come materia prima, le proteine ​​microbiche richiedono molto meno terreno agricolo rispetto alla carne di ruminante per lo stesso apporto proteico”.

La dott.ssa Tilly Collins del Centre for Environmental Policy dell’Imperial College London, che non è stata coinvolta nello studio, ha dichiarato: “Qualsiasi riduzione del consumo di carne di ruminante porterà benefici ambientali, etici e per la salute umana.

“Sebbene le previsioni di questi modelli dipendano fortemente dalla nostra capacità di fornire tale sostituzione proteica, non c’è dubbio che l’efficienza delle alternative abilitate alla biotecnologia offre un enorme potenziale futuro per una fornitura alimentare più sostenibile”.

L’ossessione della Gran Bretagna per il legname, la pelle e la carne bovina “sta avendo un forte impatto” sulla foresta pluviale amazzonica

La Gran Bretagna ha un’ossessione per il legname, il cuoio e la carne bovina Brasilesecondo gli enti di beneficenza della fauna selvatica, che affermano che sta “avendo un forte impatto” sugli incendi della foresta pluviale.

Il Brasile, sede di due terzi della foresta pluviale amazzonica, è uno dei paesi più rischiosi da cui il Regno Unito importa i principali prodotti agricoli, affermano il WWF e l’RSPB.

In un nuovo rapporto il WWF afferma che gli incendi sono stati deliberatamente appiccati per fare spazio all’agricoltura per alimentare la crescente domanda da luoghi come il Regno Unito.

Gli ultimi dati suggeriscono che nel bioma amazzonico sono stati rilevati 2.248 focolai di incendio nel mese di giugno, il numero più alto da 13 anni.

Il Brasile rappresenta il 13,9 per cento dell’impronta terrestre d’oltremare del Regno Unito, secondo un nuovo rapporto, pari a circa 800.000 ettari o cinque volte l’area della Greater London.